venerdì 15 aprile 2016

Bacillus thuringiensis: un batterio come insetticida naturale



Il Bacillus thuringiensis è un batterio in grado di produrre delle tossine che hanno una notevole azione insetticida, in particolare su lepidotteri, coleotteri e ditteri. E' un insetticida naturale è del tutto innocuo per l’uomo e per gli animali domestici e può essere usato in agricoltura biologica. Grazie alla sua bassissima tossicità è ampiamente usato anche in ambito urbano (ad esempio per la lotta alle zanzare) e per la difesa dell’orto e del giardino dai parassiti.
Questo microrganismo, in condizioni sfavorevoli, produce una spora che può rimanere vitale per molti anni. Oltre a questa spora produce un corpo parasporale, comunemente detto cristallo, che contiene delle endotossine ad azione insetticida. La più efficace è la delta endotossina.
Cristalli visti al microscopio elettronico













MECCANISMO D’AZIONE
Il Bacillus thuringiensis agisce per ingestione, causando la paralisi della muscolatura dell’apparato boccale e dell’intestino dell’insetto. In seguito si ha il disfacimento della parete intestinale con germinazione delle spore del batterio e proliferazione all’interno dell’insetto con conseguente setticemia. L’attivazione della tossina avviene soltanto a pH fortemente basico (8 – 9), tipico dell’apparato digerente degli insetti. La morte dell’insetto avviene in un tempo che varia da poche ore a 2 – 3 giorni.

Agendo esclusivamente per ingestione, è efficace solo nei confronti degli insetti ad apparato boccale masticatore che si nutrono della pianta. Le spore vengono distribuite con trattamenti sulla vegetazione.
Esistono 3 sottospecie di Bacillus thuringiensis, ciascuna con un diverso spettro d’azione


  • B. thuringiensis ssp. kurstaki: viene impiegato come insetticida naturale nei confronti di lepidotteri in frutticoltura, viticoltura, orticoltura. E’ particolarmente efficace nei confronti di nottue, tortricidi e processionaria del pino.
  • B. thuringiensis ssp. israelensis: è usato prevalentemente contro le larve di ditteri che vivono delle acque. Grazie alla sua efficacia e alla sua innocuità per l’uomo è un insetticida naturale molto impiegato in ambito civile, per la lotta alle zanzare nei pressi dei centri abitati.
  • B. thuringiensis spp. tenebrionis: è attivo contro le larve di coleotteri, ed è proficuamente impiegato per combattere la dorifora della patata.


-          
APPLICAZIONE
Al giorno d’oggi questo insetticida naturale trova applicazioni in diversi settori della difesa fitosanitaria, grazie alla sua efficacia e alla bassissima tossicità per l’uomo e per l’ambiente.
E’ però fondamentale che tutte le operazioni siano eseguite nel modo corretto, per evitare una forte perdita di efficacia del prodotto. Per quanto riguarda lo stoccaggio, i preparati commerciali, devono essere conservati preferibilmente a temperature inferiori a 25 °C  ed al riparo da luce solare e fonti di calore.

In Italia sono disponibili diversi formulati commerciali a base di Bacillus thuringiensis e sono identificati da una sigla che indica il ceppo di appartenenza. La ricerca scientifica è sempre all’opera per trovare ceppi di batterio sempre più efficaci ed attivi.

Nessun commento: