lunedì 25 aprile 2016

Le formiche


Come liberarsi dalle formiche


Le formiche sono degli insetti imenotteri appartenenti alla famiglia formicidae. Sono molto conosciute e diffuse in tutto il mondo e sono insetti eusociali, che formano cioè delle grandi colonie con diverse classi sociali, ciascuna con delle funzioni ben precise. Oltre ad avere una struttura sociale molto complessa e un ruolo ecologico fondamentale, le questi insetti sono spesso presenti anche nelle nostre case, nei magazzini, nelle dispense e in generale in qualsiasi luogo ove riescano a trovare una fonte di cibo. Proprio per questo motivo è necessario trovare dei sistemi per allontanarle che non siano tossici per l’uomo e gli animali domestici e non vadano ad inquinare gli alimenti.


Combatterle in casa

Nelle nostre case le formiche sono attratte dai residui di alimenti presenti nelle dispense o rimasti per terra o negli angoli. In particolare sono attratte dalle sostanze zuccherine come miele, dolci e marmellate. E’ molto difficile impedire l’accesso a questi piccoli insetti, poiché date le loro esigue dimensioni possono intrufolarsi anche nelle fessure più minuscole. Vediamo quindi qualche insetticida naturale e qualche semplice accorgimento che può aiutarci a sconfiggerle.


Eliminare le fonti di cibo: le formiche sono sempre alla ricerca di nutrimento, quindi bisogna pulire accuratamente tutte le superfici anche dalle briciole più minute, non accumulare piatti sporchi e non lasciare contenitori o pacchetti di cibo aperti. Questo vale anche per il cibo per animali (crocchette, scatolette) che è in genere molto gradito dalle formiche.


Limitare i punti di accesso: non è facile perche sono sufficienti aperture minute per permettere l’ingresso alle formiche, ma spesso questi insetti hanno vie di accesso preferenziali, quindi una volta individuate vanno sigillate con cura con silicone, nastro isolante o stucco.


Aceto: il comune aceto è sgradito alle formiche, per le quali è un vero e proprio repellente. Per tenerle lontane è sufficiente spruzzare dell’aceto nei luoghi di passaggio o nelle fessure che usano per penetrare nell’abitazione. Questo rimedio non uccide gli insetti, ma dopo alcuni interventi ripetuti le formiche abbandoneranno la zona e se ne andranno altrove.


Limone: ha un effetto simile a quello dell’aceto e va usato allo stesso modo. Per avere un effetto migliore i due ingredienti si possono mischiare e distribuire con uno spruzzino.


Eucalipto: l’olio essenziale di eucalipto è un sicuro deterrente per le formiche. E’ sufficiente aggiungerne qualche goccia all’aceto o al limone e usarlo come indicato nei punti precedenti.


Spezie: vi sono alcune spezie che non sono gradite alle formiche. Tra queste il peperoncino, la paprika e i chiodi di garofano sembrano garantire degli ottimi risultati. Spargendone la polvere nei punti di passaggio o di ingresso, l’odore penetrante le farà allontanare.


Erbe aromatiche: l’alloro e l’origano, anche essiccati sono molto fastidiosi per le formiche. In questo caso è consigliabile disporre dei mazzetti da mettere nelle dispense per proteggere gli alimenti dall’invasione delle formiche. Bisogna però avere l’accorgimento di sostituire spesso i mazzetti per garantire sempre il massimo dell’efficacia.


Detersivo per piatti: non si tratta di un vero e proprio insetticida naturale, ma è comunque un metodo semplice e poco costoso per allontanare questi ospiti sgraditi. E’ sufficiente diluire 2 cucchiai di detergente in mezzo litro di acqua e distribuire con uno spruzzino. Il prodotto può essere vaporizzato nei luoghi di accesso o di passaggio o direttamente sopra le formiche.


Come combatterle nell’orto e nel giardino

Anche nell’orto e nel giardino le formiche possono essere molto fastidiose infestando le piante che coltiviamo a scopo ornamentale o alimentare. In particolar modo sono attratte dagli alberi da frutto, sui quali si arrampicano per raggiungere i frutti dolci e zuccherini. Le formiche nell'orto sono responsabili essenzialmente di due tipi di danni:
  • Danni diretti causati dall’erosione dei frutti usati a scopo alimentare
  • Danni indiretti in quanto le formiche trasportano sugli alberi e proteggono gli afidi, per poi nutrirsi della melata, una sostanza zuccherina che essi producono.         
    Una formica che accudisce degli afidi

-         










      
   Vediamo quindi alcune possibili soluzioni per eliminare le formiche dai nostri giardini.


Bloccare l’accesso: innanzitutto è importante evitare che le formiche arrivino sulle nostre piante. A questo scopo bisogna cercare e distruggere i nidi, ovvero i formicai. Per impedire che salgano sulle piante si possono applicare sui tronchi delle fasce collanti sulle quali gli insetti rimarrano intrappolati nel tentativo di risalita.


Cenere di legna: disposta attorno alle piante, crea una barriera caustica che impedisce, o limita fortemente, l’accesso alle formiche. E’ utile anche per impedire l’avvicinamento di lumache e limacce.


Macerato di aglio: un insetticida naturale a base di aglio può essere molto utile per allontanare questi ospiti sgraditi.


Piretro: il piretro è un insetticida naturale, ricavato da una pianta, e disponibile in commercio. Bisogna però usarlo con attenzione perché è efficace non solo nei confronti delle formiche ma uccide la maggior parte degli insetti. Non è però pericoloso per l’uomo e si degrada molto rapidamente, quindi non lascia residui sulle nostre verdure.


Macerato d’ortica: anche l’ortica, come l’aglio, ha una certa efficacia come insetticida naturale nei confronti delle formiche.


Erbe aromatiche: le formiche non gradiscono gli odori delle erbe aromatiche, quindi piantare menta, timo, maggiorana, origano, etc, può aiutare ad allontanarle.


Bergamotto: l’olio essenziale di bergamotto è un altro repelennte naturale per questi insetti. Si possono diluire 10 gocce di olio di bergamotto in un litro d’acqua oppure macerare 500 grammi di bergamotti freschi in 10 litri di acqua per 10 giorni e poi filtrare e distribuire sulle colonie di formiche e sulle piante colpite con uno spruzzino.