sabato 7 maggio 2016

Trappole per insetti fai da te



Gli insetti più noiosi e fastidiosi che infestano le nostre case sono sicuramente le mosche e le zanzare. Oltre agli insetticidi naturali e agli altri trucchi per combatterle, possiamo preparare delle economiche trappole casalinghe che attireranno gli insetti e ci consentiranno di passare delle notti tranquille. Vediamo come costruire le più efficaci.

Vecchio metodo, sempre efficace

Carta moschicida

La carta moschicida può essere preparata in casa con ingredienti naturali e non tossici, risultando sicura anche per i bambini e gli animali domestici che dovesswero venirne a contatto.
Per prepararla bisogna usare della carta da pacchi (quella marrone va benissimo) ma in mancanza di questa va bene un qualsiasi tipo di carta purchè sufficientemente robusto. Bisogna quindi mescolare in un pentolino i seguenti ingredienti:
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 bicchiere di sciroppo (di agave, di riso, o di mais)
  • 1 bicchiere di zucchero
-         
Il tutto va mescolato a fuoco lento fino ad ottenere un composto appiccicoso ed omogeneo. Va quindi versato in un contenitore largo ed usato per immergervi le strisce di carta precedentemente tagliate. Queste ultime vanno quindi appese nelle stanze o vicino agli ingressi (porte, finestre) e cambiate quando asciutte o piene di mosche.

Trappola alla birra

Per questa trappola è sufficiente un barattolo di vetro, un po’ di birra e due cucchiaini di zucchero. La birra va versata nel barattolo e va aggiunto lo zucchero. Quindi con della carta o del cartoncino e un pezzo di scotch si deve creare un cono che farà da imbuto. Va posizionato nel barattolo ma non deve toccare il liquido all’interno. In questo modo le mosche, attratte dall’odore. Entreranno nel barattolo ma non riusciranno più ad uscire.
In alternativa alla birra possiamo preparare un altro tipo di trappola:
Un barattolo di vetro (o un bicchiere) va quasi riempito con un misuglio di acqua, zucchero, aceto di mele e qualche goccia di detersivo per piatti. Il barattolo va quindi chiuso con della pellicola (va bene quella per alimenti) che va forata al centro. In questo modo le mosche potranno entrare, attratte dall’odore, ma non riusciranno più ad uscire, rimanendo invischiate all’interno.

Trappola fai da te con bottiglie di plastica

Vediamo come costruire una semplice trappola, impiegando una bottiglia di plastica, che potra essere usata con gli attrattivi descritti nell’articolo. La sua preparazione è molto semplice ed economica. Occorre solo una bottiglia senza tappo, e delle forbici.
La bottiglia senza tappo va tagliata a circa 1/2 dall’apertura. In questo modo si ottiene una base che servirà da contenitore per l’attrattivo e una sorta di imbuto. Questo imbuto andrà posto all’interno della bottiglia, con la punta rivolta verso l’interno. In questo modo gli insetti potranno entrare e cadervi dentro, ma no riusciranno più ad uscire. Questa trappola può essere appesa agli alberi o vicino alle abitazioni. Come esca da porre all’interno possiamo usare una miscela di marmellata e aranciata, oppure gli altri attrattivi descritti in questo articolo.

Trappola per calabroni e vespe

Questo attrattivo, specifico per calabroni e vespe, può essere usato nelle trappole fatte con le bottiglie di plastica, oppure impiegando i Tap – trap, acquistabili su amazon.
Queste dosi valgono per bottiglie da 1,5 litri. Occorre  1/2 litro di birra + 2 cucchiai di zucchero o miele. Il tutto va miscelato fino ad ottenere un composto omogeneo e quindi posto nelle bottiglie. In alternativa possiamo usare 1/2 litro di acqua + 3 cucchiai di zucchero o di miele + un bicchiere di aceto di vino rosso.

Trappola per lepidotteri

Numerosi bruchi possono essere dannosi per le piante da frutto e rovinare il raccolto. Un attrattivo efficace è costituito da un litro di vino addolcito con 6/7 cucchiai di zucchero con 15 chiodi di garofano ed una mezza stecca di cannella, quindi aggiungerlo a Lt.3 di acqua. Il tutto va lasciato a macerare per una quindicina di giorni e posto nelle bottiglie, da appendere nel frutteto.

Trappola per mosche della frutta

Le mosche della frutta possono attaccare ulivo, ciliegie, agrumi, noce. Per catturarle bisogna porre nelle trappole da 1 litro di ammoniaca per pulizie non profumata, aggiungendo eventualmente qualche pezzo di pesce crudo come fonte proteica (vanno bene gli scari e le interiora). Per aumentarne l’efficacia si possono attaccare alla trappola delle strisce gialle, in quanto questo colore è attrattivo per questi insetti.  Le trappole vanno quindi appese agli alberi. Per avere degli ottimi risultati bisogna prepararne 1 per ogni albero.

Trappola per mosche e mosconi

Questi insetti possono essere davvero molto fastidiosi quando entrano nelle nostre case. Per intrappolarli occorre una miscela formata da 1 litro di acqua e 30 grammi di scarti di pesce crudo. (vanno bene acciughe, sarde o qualsiasi altro pesce). Il tutto da mettere nelle trappole che vanno posizionate all’esterno, lungo il perimetro delle abitazioni.

Trappola per zanzare

Per questa trappola si può usare una bottiglia di plastica preparata come indicato sopra o una trappola gia pronta disponibile in commercio. Per l’esca occorre:
  •  4 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaio di lievito di birra
-         
L’acqua va messa a bollire, quindi si versa dentro lo zucchero. Il tutto va mescolato fino a quando non è completamente sciolto. Una volta raffreddata va aggiuntto il lievito e posto nella trappola. I microrganismi del lievito attaccherano lo zucchero, producendo anidride carbonica che è attrattiva per le zanzare. Per catturare le zanzare le trappole vanno poste preferibilmente in luoghi bui e umidi; la soluzione va cambiata ogni 15 giorni.

Trappole già pronte

In commercio esistono delle trappole già pronte all’uso, molto comode e sicure per l’uomo e gli animali domestici. Possono essere acquistate anche on-line e sono del tutto ecologiche.
-          Tap – trap: sono dei tappi da applicare alle bottiglie, per fare delle trappole ecologiche ed efficaci. deve essere utilizzata all’esterno ed è assai efficace per catturare gli insetti volanti. Si sfrutta una normale bottiglia di plastica come contenitore per un’esca attrattiva. Le bottiglie contenenti l’esca approppriata vanno appese sul perimetro delle case, preferibilmente vicino alla vegetazione. Possono essere usate per proteggere abitazioni, coltivazioni di alberi da frutta, oppure allevamenti di animali in campagna.
-          Trappole per vespe: vanno riempite con zucchero ed aceto. Le vespe entrano, attratte dall’odore, ma non riescono più ad uscire.
-          Trappola Sandokan: ottima per catturare vespe e calabroni. Realizzata in plastica, viene fornita con un attrattivo da diluire in acqua. Va appesa non vicino alle case, ma ad un albero o in mezzo alla vegetazione.



Nessun commento:

Posta un commento